Gianni Torta: le (dis)avventure di una torta.
 
≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈≈
2° Seconda parte.
 1° Prima parte.
Per ascoltare la fiaba devi cliccare la freccia nera, nella prima parte e poi nella seconda.
Buon  ascolto!
 
 
 
 
 
 
Ora se vuoi, leggi la storia di Gianni Torta e clicca sulle parole in rosso.
 
                      GianniTorta
 
        C'era una volta un bambino biondo che viveva in una  casetta nel bosco con i nonni.
        Come ogni mattina i nonni andavano nell'orto a  lavorare. Quella mattina la nonna disse 
        al bambino  di  controllare la torta che stava cuocendo nel forno e di tirarla 
        fuori appena fosse  pronta. Ma il bimbo si mise a giocare con la cagnolina  
        Tipitipì  e si dimenticò della  torta.... Lo sportello del forno si spalancò e, 
        tutto d'un tratto, la torta scappò!!! Cominciò a rotolare veloce e uscì dalla
        porta di  casa, il bimbo tentò di fermarla...ma la torta agilissima era già in 
        strada.    
 Anche il nonno e la nonna, visto il nipotino correre a perdifiato, gettata la zappa, si  lanciarono all'inseguimento  della torta che rideva  soddisfatta della 
sua prodezza.
La cagnolina Tipitipì era la più veloce nel rincorrere la torta e anche la meno stanca, adesso la fila degli inseguitori si allungava:  Tipitipì,                            il  bambino, i nonni....  I nostri affamati inseguitori, stanchi  dalla                        
                    lunga corsa, perdevano strada mentre la torta sfrecciava ridendo,                 
                    veloce come  un  fulmine...." Non mi prenderete !!!"  gridava. Giunta                 
                    nei  campi, sfrecciò davanti a due contadini  che stavano scavando un pozzo. I due, ingolositi, le gridarono di fermarsi e di lasciarsi gustare 
da loro. Ma lei rispose:"Provate a prendermi!!!". Allora, buttati i loro arnesi, anche i due contadini si unirono al gruppo per rincorrere  quel dolce provocatore. Cinque  persone e un cagnolino  all'inseguimento di una torta davvero terribile!!! Lungo la strada incontrarono due contadini  intenti a scavare fossati. I due
guardarono  sconvolti quello strano gruppo di gente che correva a
perdifiato...ma ben presto anche loro  si aggiunsero alla fila...
Dopo  una  corsa, si sdraiarono  stanchi e spossati sotto un albero  a              
              riposarsi. Sette persone e un cagnolino che inseguono una  torta??        
              Una cosa del genere non si era mai vista prima...sapete dove siamo??                                                        
              Avete  ragione nel bosco!!! Un bosco pieno di animali...La torta passò velocemente 
              alle spalle di un  orso che, sentendosi già l'acquolina  in bocca, gli intimò di fermarsi                                                                                                                                              
e di lasciarsi mangiare.  
Ma sapete la torta che  rispose?"Non mi avrai: non mi mangerai!!! Son sfuggita a  due nonni e  un bambino, quattro contadini e un cane...non vorrai che mi lasci prendere da un orso  grosso e  sciocchino  come te?”
Anche l'orso si unì al gruppo dei corridori !!! 
Improvvisamente, dagli alberi, sbucò un lupone grigio e vorace che gridò alla                     
                        torta di fermarsi  e di lasciare mangiare da lui!!! Ma la torta                                                    
                        ridendo se lo lasciò alle  spalle mentre gli  rispondeva:
                        "MARAMEO”. Il lupo arrabbiato si unì al gruppo degli  
                         inseguitori stanchi e insieme seguirono quella  torta  
                        velocissima!!
                        Con la lingua a penzoloni anche il lupo dovette ben presto                                      
                        fermarsi a riposare.
                        Rotola rotola, la torta giunse vicino ad uno  steccato dove stava sdraiata                                    
                        una bella volpe rossa  dalla grande coda e dallo sguardo furbissimo.
                        E quel dolce dispettoso cominciò: "Prendimi se ci riesci... guarda che gruppo 
                        di  inseguitori ho dietro alle spalle!!!"
                       Che cosa pensate che sia successo? Che anche la volpe affamata si sia 
                       messa ad  inseguire la torta??? Niente affatto!!!
                       La scaltra volpe rossa finse di essere sorda e così la torta, si avvicinò a lei per  
                       ripeterle le parole!!!! Ma cadde nel tranello...in men che non si dica la volpe la  
catturò e se la infilò in bocca.Poi, con tutta calma, filò via. Avete capito? Tutti gli altri non solo rimasero bocca asciutta ma, stanchi, dovettero 
tornare  indietro!!!

                                                     La_famiglia.htmlLa_casa.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlL%27orto.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlLe_ricette.htmlLa_casa.htmlLa_famiglia.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlLa_casa.htmlLe_ricette.htmlLa_casa.htmlLa_casa.htmlLa_famiglia.htmlLe_ricette.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlL%27orto.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlLe_ricette.htmlL%27orto.htmlI_mestieri%20.htmlI_mestieri%20.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlI_mestieri%20.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali_1.htmlLe_ricette.htmlLa_famiglia.htmlLa_famiglia.htmlI_mestieri%20.htmlGli_animali.htmlGli_animali.htmlGli_animali.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlLe_ricette.htmlGli_animali.htmlshapeimage_6_link_0shapeimage_6_link_1shapeimage_6_link_2shapeimage_6_link_3shapeimage_6_link_4shapeimage_6_link_5shapeimage_6_link_6shapeimage_6_link_7shapeimage_6_link_8shapeimage_6_link_9shapeimage_6_link_10shapeimage_6_link_11shapeimage_6_link_12shapeimage_6_link_13shapeimage_6_link_14shapeimage_6_link_15shapeimage_6_link_16shapeimage_6_link_17shapeimage_6_link_18shapeimage_6_link_19shapeimage_6_link_20shapeimage_6_link_21shapeimage_6_link_22shapeimage_6_link_23shapeimage_6_link_24shapeimage_6_link_25shapeimage_6_link_26shapeimage_6_link_27shapeimage_6_link_28shapeimage_6_link_29shapeimage_6_link_30shapeimage_6_link_31shapeimage_6_link_32shapeimage_6_link_33shapeimage_6_link_34shapeimage_6_link_35shapeimage_6_link_36shapeimage_6_link_37shapeimage_6_link_38shapeimage_6_link_39shapeimage_6_link_40shapeimage_6_link_41shapeimage_6_link_42shapeimage_6_link_43shapeimage_6_link_44shapeimage_6_link_45shapeimage_6_link_46shapeimage_6_link_47shapeimage_6_link_48shapeimage_6_link_49shapeimage_6_link_50shapeimage_6_link_51shapeimage_6_link_52shapeimage_6_link_53shapeimage_6_link_54shapeimage_6_link_55shapeimage_6_link_56shapeimage_6_link_57shapeimage_6_link_58shapeimage_6_link_59shapeimage_6_link_60
Torna a:
introduzione.introduzione.htmlshapeimage_7_link_0
Vai a: